29 07 2019

Distruzione creativa

By |2019-07-29T14:16:38+00:0029 Luglio 2019|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , |0 Comments

La democrazia è un processo dall’alto verso il basso: non viene identificata come la volontà popolare o come bene comune che i rappresentanti eletti devono tradurre - più o meno fedelmente - in scelte di governo; sono sostanzialmente una competizione tra politici (di professione) per ottenere il voto degli elettori. In pratica, un modo come un altro per far coincidere domanda e offerta

10 03 2019

Falsa equivalenza

By |2019-03-10T10:13:24+00:0010 Marzo 2019|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , , , , , |0 Comments

La società attuale fa enormi pressioni sulla stampa, soprattutto su quella che si occupa di politica, perché agisca in direzione opposta, ovvero - per dirla con un arguto editorialista - la spinge verso la “abnormalizzazione” di qualsiasi politico, compresi i più abili e onesti, spesso per questioni di scarsa importanza. Gli esperti la chiamano “falsa equivalenza”

6 03 2019

Che bellezza questo Ajax

By |2019-03-06T13:49:08+00:006 Marzo 2019|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , , , , |0 Comments

Sarà Real Madrid-Ajax la partita dell'anno? Non lo sappiamo, ma il match di ieri sera al Bernabéu verrà ricordato a lungo nel calcio europeo e non solo per la vittoria dei Lancieri a casa dei Galacticos in evidente difficoltà di gioco e di risultati e priva dello squalificato Sergio Ramos

5 03 2019

La maledizione di Ramsey

By |2019-03-05T11:37:31+00:005 Marzo 2019|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , , , , , |0 Comments

In Inghilterra c'è la diceria secondo cui ogni volta che il centrocampista dell'Arsenal Aaron Ramsey segni, un personaggio famoso muore. Dal 2011 è diventata una credenza suggestiva la maledizione di Ramsey. Naturalmente è solo un caso, o forse no...

19 02 2019

Chi vincerà le elezioni europee

By |2019-02-20T11:05:44+00:0019 Febbraio 2019|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , , , , |0 Comments

Salvini è certo che in caso di nuove elezioni potrebbe diventare premier grazie alla Lega primo partito. È una possibilità realistica, specialmente se l'asse con i 5Stelle non si sgretola, anche se non è indispensabile. Questione totalmente diversa in Europa.

10 01 2019

Gli oscuri invisibili

By |2019-01-10T09:54:21+00:0010 Gennaio 2019|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , , |0 Comments

Io sono uno di quelli che dieci anni fa ha dato una mano a fondare il Partito Democratico, uno di quelli che ha cercato di tenere in vita il proprio piccolo circolo trattenendo nel Pd tanta brava gente che negli anni si era smarrita dopo aver constatato che i “fuoriclasse delle quote” l'avevano soggiogato. Poi due anni fa anch'io ho mollato. Ho mollato perché mi sentivo perseguitato da chi, sfruttando la disfatta elettorale di Bersani e Renzi, ha trovato l'ennesimo carro da guidare. A quel punto la domanda che mi sono posto è stata: a che serve continuare?

24 12 2018

BUONE FESTE!

By |2019-02-09T11:48:49+00:0024 Dicembre 2018|Categories: Politically (in)correct|Tags: , |0 Comments

TANTI AUGURI DI UN FELICE NATALE E UN GRANDE 2019!

How to Share With Just Friends How to share with just friends. Posted by Facebook on Monday, December 24, 2018

19 12 2018

Il sessismo della Gazzetta

By |2018-12-19T19:32:11+00:0019 Dicembre 2018|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , , , |0 Comments

Il sessismo con cui la Gazzetta tratta Wanda Nara è la perfetta sintesi del nostro paese: radicato ai princìpi in cui la donna era vista come oggetto sessuale per l'appagamento del maschio alpha

6 12 2018

Suicidio assistito

By |2018-12-06T16:52:36+00:006 Dicembre 2018|Categories: Politically (in)correct|Tags: , , , , , , |0 Comments

Marco Minniti si candida alla segreteria del Pd in un'intervista a Repubblica; meno di tre settimane dopo, ritira la sua candidatura in un'altra intervista a Repubblica. Ad oggi, dunque, i candidati alla segreteria rimangono Zingaretti, Martina, Boccia, Corallo, Saladino e Damiano. A Repubblica rimangono ancora sei giorni per bruciare un altro candidato

Questo blog fa uso di cookie per migliorare l’esperienza di navigazione degli utenti e per raccogliere informazioni sull’utilizzo del sito stesso. Utilizziamo sia cookie tecnici sia cookie di parti terze per i social media. Proseguendo nella navigazione si accetta l’uso dei cookie; in caso contrario è possibile abbandonare il sito. Ok