giacomolagona

Circa Giacomo

Mi chiamo Giacomo Lagona, mi occupo di marketing digitale e social media con la creazione di contenuti e strutture di supporto dall'offline all'online e viceversa. Sviluppo strategie di marketing politico, Social Media Marketing; organizzo campagne elettorali ed eventi culturali basati su territorio e turismo di nicchia.

Aprile 2020

Si fidi di noi, Presidente

Di |2020-04-27T13:56:28+01:0027 Aprile 2020|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , |

Si fidi di noi, Presidente Conte. Si fidi e ci lasci uscire pur mantenendo il distanziamento sociale e le protezioni di sicurezza obbligatorie. Riapra le attività commerciali che con molta fortuna e tanta forza interiore potrebbero ancora farlo. Riapra le aziende che col suo aiuto si adopereranno per mettere in sicurezza il posto di lavoro di milioni di lavoratori stremati dal virus e dalle privazioni di questi due mesi. Si fidi, Presidente. E ci lasci vivere.

Storie di Liberazione

Di |2020-04-25T16:27:15+01:0025 Aprile 2020|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , , |

Cittadini, lavoratori! Sciopero generale contro l'occupazione tedesca, contro la guerra fascista, per la salvezza delle nostre terre, delle nostre case, delle nostre officine. Come a Genova e a Torino, ponete i tedeschi di fronte al dilemma: arrendersi o perire.

Il senso di Gallera per l’inadeguatezza

Di |2020-04-15T10:55:45+01:0015 Aprile 2020|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , , |

Sostenere che in Lombardia, e nel resto del paese, i contagi non scendono perché la gente ancora si muove è un insulto. Un insulto a tutti i malati che aspettano in casa, con milioni di dubbi e con un'angoscia indescrivibile, per le diagnosi che non arrivano mai. È un insulto al 95% degli italiani che rispettano alla lettera ogni prescrizione, sia nazionale che regionale. Un insulto terrificante e un continuo cercare un capro espiatorio della propria palese inadeguatezza

Bulgari

Di |2020-04-07T10:22:02+01:005 Aprile 2020|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , , |

Se continuiamo a prenderci ancora in giro, sarà evidente che i risultati che arriveranno quando faremo i test come indicano i protocolli saranno a livello di percentuali bulgare. Prima o poi dovremo fare i conti anche con le cose che sono andate storte e renderci conto che i dati ufficiali non sono reali.

Marzo 2020

Niente sarà come prima

Di |2020-03-23T12:47:34+01:0023 Marzo 2020|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , |

La nostra vita è stata sostituita dalla consapevolezza del virus: dalla paura del contagio alle limitazioni delle nostre libertà personali. E quando tutto questo finirà, non torneremo ad essere quello che eravamo prima perché le conseguenze della pandemia rimarranno a lungo: si ripartirà da una sorta di "Anno Zero”, in cui il Covid-19 sarà lo zero assoluto della nostra esistenza

Gennaio 2020

È il momento delle donne

Di |2020-01-27T21:39:19+01:0027 Gennaio 2020|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , , , |

Il bel risultato elettorale in ER mi permette di essere nuovamente felice per il centrosinistra, ma soprattutto mi permette di parlare di una ragazza, che, caso mai ce ne fosse ancora bisogno, potrebbe diventare il punto di snodo tra la sinistra che si guarda ancora l'ombelico e la sinistra che parla in faccia alle persone

Luglio 2019

Distruzione creativa

Di |2019-07-29T14:16:38+01:0029 Luglio 2019|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , , , |

La democrazia è un processo dall’alto verso il basso: non viene identificata come la volontà popolare o come bene comune che i rappresentanti eletti devono tradurre - più o meno fedelmente - in scelte di governo; sono sostanzialmente una competizione tra politici (di professione) per ottenere il voto degli elettori. In pratica, un modo come un altro per far coincidere domanda e offerta

Marzo 2019

Falsa equivalenza

Di |2019-03-10T10:13:24+01:0010 Marzo 2019|Categorie: Politically (in)correct|Tag: , , , , , , , |

La società attuale fa enormi pressioni sulla stampa, soprattutto su quella che si occupa di politica, perché agisca in direzione opposta, ovvero - per dirla con un arguto editorialista - la spinge verso la “abnormalizzazione” di qualsiasi politico, compresi i più abili e onesti, spesso per questioni di scarsa importanza. Gli esperti la chiamano “falsa equivalenza”