5 12 2016

Il discorso della sconfitta di Matteo Renzi

Di |2018-11-14T17:04:14+01:005 Dicembre 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

È la seconda volta che Matteo Renzi fa un grande discorso per la sconfitta: il primo quattro anni fa dopo aver perso le primarie con Bersani per la premiership; la seconda ieri sera, ammettendo la sconfitta del Sì al referendum costituzionale col 41 per cento contro il 59 del No. Prima o poi vorrei poterne sentire uno per la vittoria. Ma ho tempo. Grazie Matteo!

28 11 2016

Serve un aggiornamento al riparto di competenze tra Stato e regioni

Di |2018-11-14T15:37:29+01:0028 Novembre 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

Il 13 agosto 2015 è stata pubblicata in Gazzetta Ufficiale la cosiddetta Legge Madia di Riforma della PA. Il 25 novembre scorso, la Corte Costituzionale ha dichiarato l'illegittimità della riforma perché è mancato l'accordo con tutte le regioni. Fin qui tutto normale: una delle tante riforme cassate dalla Consulta perché illegittima. La realtà, però, è ben diversa e vale la pena raccontarla senza scadere nella retorica populista

25 11 2016

Una riforma costituzionale più garantista

Di |2018-11-14T17:04:14+01:0025 Novembre 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

Nessuna modifica della Costituzione può prescindere dall'articolo 1 per due motivi. Il primo: in quell'articolo sono espresse le norme organizzative su cui si basa l'intera nostra Costituzione, ed è inviolabile. Il secondo: modificando l'art. 1 si rende automaticamente incostituzionale qualsiasi variazione della Costituzione. La riforma che andremo ad approvare il 4 dicembre rafforza queste garanzie e ne introduce delle nuove nelle modalità di elezione della Corte Costituzionale

24 11 2016

Le bufale del No sul referendum costituzionale

Di |2018-11-14T17:04:14+01:0024 Novembre 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

Con l'avvicinarsi del voto referendario del 4 dicembre, in rete circolano con maggiore insistenza le solite bufale che prendono la mano a tutti, ma in particolar modo ai critici della riforma (tipo la solita matita copiativa, l'articolo della riforma che Renzi nasconde o il voto degli italiani all'estero che verrà annullato). Cerchiamo di smontarle per favorire un voto informato e più consapevole

23 11 2016

Perché l’art. 70 della riforma è così lungo (seconda parte)

Di |2018-11-14T17:04:14+01:0023 Novembre 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

La riforma introduce due diversi procedimenti legislativi, due solamente. Il primo riguarda le leggi bicamerali, ovvero le leggi che devono essere approvate da entrambe le Camere esattamente come avviene oggi con tutte le leggi. Il secondo procedimento invece riguarda la sola Camera dei deputati. Tutte le leggi approvate dalla Camera, però, devono essere trasmesse al Senato, che può decidere se e quali intende approfondire

28 08 2016

I have a dream

Di |2018-11-14T17:04:14+01:0028 Agosto 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

Cinquantatré anni fa, il 28 agosto 1963, Martin Luther King pronunciava il suo più celebre discorso davanti al Lincoln Memorial di Washington, al termine di una marcia di protesta per i diritti civili. Il testo esprime la speranza che un giorno la popolazione di colore avrebbe goduto degli stessi diritti dei bianchi. Questo discorso è sicuramente uno dei più famosi del ventesimo secolo, ed è diventato simbolo della lotta contro il razzismo negli Stati Uniti. Filmato e foto

12 08 2016

L’evocazione

Di |2018-11-14T15:37:29+01:0012 Agosto 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

I risultati di tutto quello che si muove oggi a sinistra sono scadenti, i modelli vincenti ben nascosti e le minacce di scissione non solleticano più nessuno. Poi, quando anche la sinistra dura e pura riesce a fare figuracce come quella dell'Onorevole Arcangelo Sannicandro, beh, diciamo che la ragazza bruttina ma intelligente dei tempi che furono ha decisamente lasciato il posto alla signorina bruttina e stupidotta

11 08 2016

La Libia di Hillary

Di |2018-11-14T17:04:15+01:0011 Agosto 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

Il caos originato dal cambio di regime nel 2011 in Libia è uno dei punti più delicati della campagna presidenziale statunitense. L’attacco all’ambasciata americana a Bengasi l’11 settembre del 2012, in cui morirono quattro persone tra cui l’ambasciatore Chris Stevens, è un’ombra su Hillary Clinton: i parenti delle vittime le hanno fatto causa, mentre Donald Trump ieri ha detto che l’Isis è stata creata da Obama e Clinton

10 08 2016

La democrazia della cognizione

Di |2018-11-14T15:37:29+01:0010 Agosto 2016|Categorie: Politically (in)correct|0 Commenti

Le democrazie costituzionali ritengono che le elezioni valorizzano le libertà individuali degli elettori coniugando il diritto dei cittadini di partecipare alla vita politica del paese attraverso il voto a maggioranza, senza tener conto la diffusa e comprovata ignoranza degli stessi sui temi della consultazione. Nella pratica: più siamo, più saggiamente scegliamo. Ma nella realtà va diversamente: i voti non si contano più, si pesano